7 marzo 2011

Strane creature

La spiaggia di Lyme Regis. Foto di Mara Barbuni (2007)
Un'ammonite sulla spiaggia di Lyme.
Foto di Mara Barbuni (2007)
Sarà perché mio marito è un icnologo, ma Strane creature è uno dei libri più affascinanti che abbia letto di recente. E' la storia (romanzata, ma ispirata alla realtà) di Elizabeth Philpot, una paleontologa dilettante, e della sua amicizia con Mary Anning, una ragazzina di Lyme Regis la cui principale occupazione è esplorare la spiaggia alla ricerca di resti fossili. I suoi rinvenimenti sono frequenti e redditizi, ma ordinari (si tratta soprattutto di ammoniti), finché un giorno il suo scalpello si imbatte sull'enorme occhio fossile di una bestia sconosciuta. La notizia richiama a Lyme grandi scienziati e cercatori, e dopo molte vicissitudini - pubbliche e private - alla figura di Mary viene riconosciuta la maternità della scoperta del primo ittiosauro (1810), e più tardi, del primo plesiosauro nella storia della scienza. Gli ittiosauri e i plesiosauri scoperti da Mary, così come i pesci fossili di Elizabeth, sono oggi conservati ed esposti al Natural History Museum di Londra.

2 commenti:

  1. è nella mia lista di libri da leggere :)

    RispondiElimina
  2. STRANE CREATURE è stato uno dei libri più belli che abbia mai letto . E mi fa piacere sapere che anche tu l'hai apprezzato. L'ho letto la prima volta il lingua originale . Tracy Chevalier scrive in un inglese che anche chi come me non pratica molto questa bella lingua riesce a comprendere. Poi l'ho riletto in italiano per gustare quei particolari che potevano essermi sfuggiti . È un libro bello da piangere (può sembrare un controsenso ma è stato così per me ). Il mio sogno è di poter andare un giorno in visita a Lyme Regis, fare una passeggiata sul Cobb e , passando da Londra, andare a cercare i luoghi dove vivevano le sorelle Philpot e dove si trova la National Society of Science ....se esiste ancora.

    RispondiElimina