26 marzo 2011

Perché si legge?

Questa settimana, in una delle mie classi (si tratta di allievi di un istituto professionale per la ristorazione) ho posto questa domanda: perché, secondo voi, la gente legge? G. ha risposto che la gente legge per staccarsi dalla realtà di tutti i giorni; A. pensa che si legga per imparare tante cose che altrimenti non si potrebbero conoscere; un'altra A. dice che chi legge non ha niente da fare; un'altra G. sostiene che chi legge è all'antica.
Per quanto mi riguarda la lettura è un aspetto irrinunciabile della vita - è qualcosa che mi rende felice.
E voi, cosa ne pensate? : )


2 commenti:

  1. ciao mara!interessante spunto di discussione per la tua classe..brava! io leggo perchè...abbandonare completamente pensieri di lavoro e ansie quotidiane per concentrarmi completamente nel testo di un bel romanzo, di un saggio, di un articolo di giornale o di una guida dei posti dove andrò fra qualche mese mi fa recuperare serenità, mi rilassa, rialimenta la mia mente di nutrimento sano...e mi dà argomenti magari interessanti da condividere o su cui confrontarmi col mio ragazzo, con gli amici, con la famiglia.
    Peccato che ho allentato il ritmo negli ultimi anni, e la sera spesso prevale la stanchezza! Ma son d'accordo con te, leggere rende davvero felici!
    PS. Provo il tuo strudel oggi ;-)
    Sara

    RispondiElimina
  2. E' una domanda che mi sono posta spesso anche io, essendo un'avida lettrice. Sono giunta alla conclusione che, per me, leggere è come vivere un'altra vita. Non è per insoddisfazione o frustrazione ma per l'emozione di poter vivere infinite esperienze attraverso un libro, da una cavalcata nella Terra di Mezzo alle tragiche vicende in Sudafrica.

    E tu, Mara, perchè leggi??? Ora siamo curiosi pure noi...

    RispondiElimina