10 agosto 2016

Una settimana, tre libri

Negli ultimi giorni, con la complicità di un fine settimana tranquillo trascorso in terrazza e le serate freddine, ho letto tre libri. Ho iniziato con Il tempo dell’attesa, il secondo atto della “Saga dei Cazalet” di Elizabeth Jane Howard (Fazi Editore). Benché la scrittura sia sempre eccellente, devo dire che questo secondo capitolo non mi è sembrato all’altezza del precedente, che mi aveva affascinato molto di più: forse, in questo caso, le dinamiche familiari già note e la minore rilevanza negli scambi fra i personaggi hanno pesato un po’ sull’evoluzione della scrittura. Narrativamente parlando, la figura di Louise impegnata a calcare le scene – episodi a quanto pare autobiografici – mi è parsa meno interessante, mentre si è confermato nella sua profondità e complessità il personaggio di Clary, la ragazzina in attesa del padre disperso durante la ritirata di Dunkirk. 
Sempre restando in tema di seconda guerra mondiale, vale davvero la pena di dedicare un’ora o due al racconto di Katherine Kressman Taylor Destinatario sconosciuto (Rizzoli). Questo breve scritto, che risale al 1938 ma è diventato famoso solo nel 1999 (in traduzione francese), riporta la corrispondenza epistolare tra due amici di lunga data comproprietari di una galleria d’arte di San Francisco: il primo, ebreo, vive in America; il secondo è rimasto a Monaco e si dimostra sempre più accecato dalle follie megalomani di Hitler. Lo sviluppo del rapporto tra i due è a un tempo travolgente e agghiacciante, fino al lapidario colpo di scena finale. 
Hotel du Lac (Neri Pozza) è il romanzo di Anita Brookner premiato con il Booker Prize nel 1984. È la storia della scrittrice Edith Hope, che a seguito di uno scandalo viene invitata dagli amici ad autoesiliarsi in un hotel sul Lago di Ginevra. Il racconto degli incontri di Edith ricorda l’ironia di Elizabeth von Arnim, mentre il processo di autoanalisi compiuto dalla protagonista potrebbe far pensare alla scrittura di Edith Wharton. Sottile e significativo è il ritratto che la donna dà di se stessa: «parecchi hanno rilevato la mia rassomiglianza fisica con Virginia Woolf; possiedo una casa, pago le tasse, sono una buona cuoca e consegno i miei dattiloscritti molto prima della scadenza; firmo tutto quello che mi viene sottoposto, non telefono mai al mio editore e non mi vanto affatto del mio particolare modo di scrivere, anche se mi rendo conto che vende piuttosto bene» (trad. it. di Marco Papi).

4 commenti:

  1. Cara Mara è da poco che ti seguo con continuità ma devo dire che tiri fuori tanti libri che mi affascinano moltissimo e di cui poi prendo nota. Devo dire che stranamente ho preferito più il secondo volume della saga dei Cazalet che il primo. Ho trovato uno stile più maturo e complesso.
    Beh, sono gusti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Michela! Mi fa sempre piacere confrontarmi con gli altri lettori e spero che in questo angolino letterario tu possa trovare libri che ti diano tanta gratificazione :) A presto!

      Elimina
  2. io ammetto di accostarmi raramente alle saghe.. il che spesso mi taglia fuori da parecchie discussioni sui blog, perchè ultimamente parecchi titoli escono in tre o più volumi.. non so come mai questa repulsione; in fondo se mi si presenta una storia un un bel tomone di mille pagine (vedi alla voce Il Visconte di Bragelonne, di Dumas) me la divoro senza problemi; se invece mi si presenta un libro come "primo di una trilogia", qualcosa in me si blocca... ma chisà che a furia di leggere recensioni su recensioni, non superi questo blocco immotivato ;-)

    (come ho fatto, peraltro, con Harry Potter, complice mio figlio di sette anni assieme al quale lo leggo, prima di andare a letto ^_^ )

    Mi intriga moltissimo l'ultimo titolo che proponi, ne avevo già sentito parlare e devo dire che mi incuriosisce sempre di più.

    E' la prima volta che capito qui, quando ho un po' di tempo libero mi piace girare il web in cerca di suggerimenti interessanti per le prossime letture :-)

    Se ti va di passare a trovarmi, io sono qui: www.metedinchiostro.blogspot.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Letizia, grazie per il tuo commento. Mi fa piacere che tu abbia scoperto Ipsa Legit, e mi auguro che ci troverai utili suggerimenti di lettura. Non mancherò di passare a trovarti "a casa tua"! Un caro saluto

      Elimina